Arte Cultura in Bulgaria

Arte e cultura BulgariaLa Bulgaria ha due facce: è una nazione occidentale, ma alcune sue caratteristiche sono tipicamente orientali; la sua religione è il Cristianesimo ortodosso, ma il territorio è pieno di minareti; nonostante le industrie e le città moderne, ha un cuore immensamente contadino; è stata parte del sistema comunista, ed ora vige un incredibile liberalismo; profondamente indipendente, è stata suddita di potenze straniere da tempi remoti; e pur mantenendo tradizioni arcaiche, guarda avanti verso la modernità. Oggi è uno degli Stati appartenenti all'Unione Europea.

L'architettura, specchio dello stile di vita

Come nel resto dei Balcani, i materiali utilizzati per le costruzioni sono quelli forniti dall'ambiente circostante: pietra, legno, laterizio e terra battuta. Un tempo le campagne erano luoghi molto poco sicuri, e di conseguenza le case venivano attorniate da muraglioni in pietra, che si appoggiano a delle lunghe travi posizionate orizzontalmente e seguono il livello del terreno.

Alla casa vera e propria ed ai locali contigui si accede tramite una grossa porta di legno, con due battenti. Il piano terra è di pietra, mentre i piani superiori sono quelli dedicati alla vita famigliare: questi piani sono fatti di materiali meno pesanti, come mattoni ricoperti di legno o di un miscuglio di paglia ed argilla. A volte i piani sono sporgenti rispetto alle pareti, e sono sostenuti da strutture in legno, spesso curve e decorate con gusto. Le coperture dei tetti sono formate da tegole, o da lastre di schisto. La stanza principale è il salone, la cui lussuosità dipende dallo status sociale del proprietario; attorno ad esso ci sono le altre stanze: estive, invernali con camino, spesso destinate a più persone; la cucina, la stanza riservata alle donne, ed altri ambienti. L'arrendamento crea un'atmosfera orientale: samovar, narghilè, tappeti colorati...

Anche lo schema urbanistico delle città è più o meno simile; le case, però, sono diventate via via più lussuose (per esempio in città quali Plovdiv, Koprivštica e Trjavna). Abbondano le decorazioni nel legno scolpito, i dipinti a muro, i soffitti elaborati e l'arredo spesso di provenienza occidentale.

Case tipiche in questo senso sono ammirabili nei villaggi-museo come Arbanasi e Božencite, e nei quartieri di alcune città che si sono conservati nel tempo, come per esempio Blagoevgrad, Razlog, Bansko, Loveč, Karlovo e così via.

Costumi tipici

La tipicità dei costumi femminili risiede nella varietà di colori e di ricami: li potrete osservare sia nei musei etnografici, che in occasione delle feste nei paesi.

Ci sono diversi tipi di costumi femminili che vengono usati nella quotidianità. Il più famoso è il costume sukman: lo indossano sulle montagne delle regioni centrali, ed in alcune zone costiere. Il nome deriva da una tunica di lana, corta e scura, che non ha maniche ed è decorata con perle e fili d'argento, ed è da indossare sopra ad una camicia bianca.

I capelli vengono decorati di zaraflăci (merletti); viene inoltre indossata la pafti, una cintura con grosse borchie di metallo, e spesso raffigurante motivi floreali. I ricami del grembiule e i colori forti contrastano con il colore scuro del resto del costume.

Dopo il sukman troviamo il costume saja: anche questo è composto da una tunica, ed il nome deriva da un tipo di soprabito aperto, in fibre naturali (cotone o lana, ed in questo caso il suo nome diventa aladža); molto di frequente questo soprabito è a righe, e viene indossato sopra ad una camicia di cotone. Altri accessori sono due pezzi di stoffa a quadri che vengono annodati in vita (sia davanti che dietro), lacci di seta con bordi di pizzo che contornano i capelli, ed una cintura di lana (solitamente nera o rossa). I ricami, spesso colorati, si trovano per la maggior parte sulla zona del collo ed alla fine delle maniche. Indipendentemente dal costume indossato, le donne portano calzettoni di lana coloratissimi e ricamati chiamati čorapi, ed i cărvuli: sandali di cuoio.

Per quando riguarda gli uomini, essi indossano costumi generalmente più sobri. A seconda del colore dominante rientrano in due categorie.

Il costume “bianco”, chiamato belodrešno, è costituito da una blusa sopra la quale viene indossata una corta fiacca in lana colorata; i pantaloni sono ricamati ed ornati da cordoncini, e sono di due tipi: se sono lunghi e stretti si chiamano benevreci, se invece sono a sbuffo e si stringono sul ginocchio si chiamano dimii.

Il costume “nero”, che prende il nome di černodrešno, consiste in: poturi (pantaloni) ornati ai lati da una quantità variabile di cordoncini, ed una cintura in lana colorata a seconda dell'età di chi la porta: più l'indossatore è vecchio, più scura sarà la cintura. Non può mancare il kalpak, il berretto di pelo, che va a pennello con i baffi e, perché no, con un bastone o un vecchio trombone: in questo modo l'uomo in questione non potrà che sembrare un hajduk sul punto di scagliarsi contro gli invasori ottomani.

Voli economici per la Bulgaria seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...