Leggende e folklore bulgaro


leggende folklore bulgariaSi sa, in qualsiasi nazione le leggende costituiscono una parte importante per comprenderne la storia e la mentalità della popolazione. Una famosa leggenda bulgara narra della nascita della Bulgaria e del suo territorio nell'anno 681. A differenza dei serbi e degli albanesi, i bulgari non utilizzano il termine “Grande Bulgaria” per indicare l’insieme delle popolazioni di origine bulgara. I Bulgari utilizzano questo concetto per riferirsi alla vecchia Bulgaria, che fu una grande potenza in Asia fino al VII secolo, quando le tribù dei Cazari la conquistarono.

La leggenda racconta del momento in cui i figli del vecchio Khan, titolo del re bulgaro prima della cristianizzazione, nel 681, lasciarono il territorio del paese occupato al fine di stabilire un nuovo stato bulgaro altrove. Questa leggenda è legata anche ad uno dei riti bulgari più tipici: ogni 1 marzo i bulgari indossano le “martenitsa” (ornamenti di stoffa bianchi e rossi) sugli abiti, come augurio di buona salute e felicità. La tradizione si tramanda da circa 1300 anni ed è diffusa anche in alcune zone della Romania, della Macedonia, della Grecia,della  Serbia e dell'Albania.

In prossimità della fine della sua vita il re dei proto-bulgari Khan Kubrat chiamò i suoi cinque figli, diede loro un fascio di bastoni e chiese a ciascuno di prendere un bastone e cercare di romperlo. Tutti diedero ascolto alle ultime volontà del padre, presero un bastone e lo spezzarono in due parti. Poi, il re mise tutti i bastoni insieme e chiese ai suoi figli di cercare di romperli ancora una volta. Non ci riuscirono e le bacchette rimasero insieme. L'intenzione del re saggio era di dimostrare ai suoi figli che dovevano rimanere sempre uniti per essere forti.

Il tempo passava e il vecchio re morì. Poi i Cazari attaccarono i proto-bulgari e catturarono la figlia di Kubrat, Huba. Il capo dei Cazari disse ai figli di Kubrat che dovevano riconoscerlo come loro sovrano. Solo così, avrebbe rilasciato la loro sorella e sarebbe andato via dalla loro terra. Fu una dura prova per i figli del re. Il figlio più grande, Bayan, riconobbe il dominio degli invasori. Tuttavia, il risultato del suo sacrificio fu che rimase in cattività con la sorella. Gli altri fratelli non obbedirono ai moniti del vecchio Khan e si divisero. Lasciarono la Grande Bulgaria al fine di ottenere territori liberi per la loro gente. Uno dei fratelli andò a Nord e gli altri, Kuber e Altsek, decisero di andare a Sud per vie diverse. Prima di partire, i fratelli dissero a Huba di stare con Bayan Khan, mentre Ashina (il fratello che si recò a Nord) partiva per cercare nuove terre. Asparuh promise alla sorella di mandarle un uccello con un filo d'oro legato al suo piede, per farle sapere che era il momento di fuggire e di seguirlo, perché aveva trovato nuova terra. I quattro fratelli lasciarono la loro patria. Bayan e la ragazza rimasero nelle mani del nemico.

Un giorno un uccello si recò da Huba. Aveva un filo d'oro nella zampa. Subito Huba e Bayan fuggirono dalla prigionia e raggiunsero la terra intorno al fiume Danubio. Ma Huba e Bayan non sapevano esattamente che strada prendere: solo l'uccello poteva indicare loro la strada. Bayan prese un filo bianco, che Huba aveva messo al piede al suo uccello. Improvvisamente, alcuni inseguitori Cazari apparvero e iniziarono a tirare frecce alla ragazza e suo fratello. Bayan rimase ferito da una freccia. Il suo sangue macchiò la fine del filo bianco che divenne rosso dal suo sangue. A questo punto, sulla spiaggia del fiume comparve Asparuh con i suoi soldati. Quando i Cazari lo videro fuggirono.

Asparuh salutò Huba e Bayan e li portò al suo accampamento. Prese il filo da suo fratello e unì le due estremità (quella bianca e quella rossa) e ne diede un pezzo ai suoi soldati da indossare sulla divisa. Così, dopo molte battaglie, in cui il suo esercito uscì vittorioso, diede vita alla nuova Bulgaria. Asparuh disse ai suoi uomini di non strappare mai il filo rosso e bianco, perché era simbolo dell’unione dei bulgari. Il filo bianco e rosso è stato chiamato Martenitsa per ricordare il mese in cui questi avvenimenti accaddero. E 'diventato un simbolo di fortuna, amore, salute e felicità. Da allora, il primo di marzo tutti i bulgari si decorano con i Martenichki bianchi e rossi. Da allora, quest’ornamento rappresenta il forte legame che unisce tutti i bulgari del mondo.

Voli economici per la Bulgaria seleziona il tuo aeroporto di partenza dall'Italia o dall'estero e scegli tra decine di compagnie, tra cui Ryanair, Easyjet e tante altre e vola con prezzi super convenienti. Risparmia fino al 50%...